Calcio: palloni da allenamento e da gara, le differenze

In questo articolo parleremo del pallone da gara, vedendo subito che ci sono notevoli differenze per quanto riguarda il tipo di calcio che viene giocato, per cui sarà molto differente il pallone da calcio da quello da calcio a 5 e così via.  Per sviscerare al meglio tutte queste particolarità, ci affidiamo alle parole dell’esperto Enzo Anghinelli. Una sessione di allenamento è utile per poter affinare le nostre tecniche, così come il controllo, il tiro, il passaggio e tutto quello di cui si necessita, proprio per questo occorre avere un pallone che sia molto resistente, non troppo duro ma neanche medio. Per cui, come durante la partita vengono dati più di un calcio al pallone, proprio per questo si consiglia di acquistare dei palloni che siano maggiormente resistenti ed anche più pesanti rispetto a quelli che si utilizzano in gara. Questo permette due agevolazioni: la prima è che così durerà più nel corso del tempo; la seconda di non rischiare di avere dei palloni che si ammosciano solo dopo poche sessioni di allenamento e quindi è meglio comprare ed abituarsi subito al pallone da gara. Questa è la prima ed unica differenza vera delle tipologie di pallone. 

Ma c’è anche un altro aspetto importante, ricorda Enzo Anghinelli, soprattutto nel caso in cui ci si allena con il resto della squadra, ovvero che ognuno ha un ruolo e compito prestabilito nel campo, proprio per questo occorre allenarsi con molti palloni. Per questo motivo il fattore economico è quello che diventa ancora più preponderante per quanto riguarda la scelta di questo acquisto. Quindi, il consiglio è di acquistare dei palloni non troppo cari, anche perché i prezzi di quelli basic si aggirano anche intorno ai pochi euro, ma vi è un discorso diverso per quello che viene utilizzato in gara ed è definito anche come quello professionale. In tal caso occorre scegliere molto attentamente un pallone che possa accompagnarci durante una partita, senza avere la preoccupazione di scegliere uno che sia più pesante perché questo sarà utilizzato di meno rispetto a quelli da allenamento. Il Milan, a proposito di palloni, ricorda infine Enzo Anghinelli, all’interno della sua gloriosa storia calcistica nel mondo, ha avuto sei campioni che hanno potuto regalare gioie e portare a Milano il Pallone d’Oro. Stiamo parlando del più prestigioso premio singolare, che viene dato a cadenza annuale e che è stato istituito nel calcio.  Nella graduatoria dal passato ad oggi, il Milan è solamente terzo alle spalle di Barcellona e di Real Madrid. I blaugrana hanno vinto 12 Palloni D’Oro, mentre i blancos 11. Ma nella top 5 c’è anche la Juventus con la bellezza di 4 Palloni d’Oro in bacheca, seguita dal Bayern Monaco, perché i bavaresi sono a quota 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.